ACQUA PUBBLICA GENOVA

SEDICI ARSENALI – dove rifornirsi di volantini, spilline, bandiere,
magliette, materiale di stampa – per informare e informarsi. Mancano tre
settimane al voto sui referendum (privatizzazione della gestione
dell´acqua, il ritorno delle centrali nucleari, il legittimo impedimento)
ma l´informazione non decolla. Così le mille organizzazioni che, solo a
Genova, hanno raccolto venticinquemila firme hanno deciso di organizzare
una “Santa Barbara” di munizioni pacifiche in ogni quartiere. «Gira la
falsa notizia, da molti cittadini creduta vera, che i referendum su
nucleare e acqua non si faranno perché sarebbero già uscite leggi che li
rendono inutili – racconta Pino Cosentino, del Comitato genovese per
l´acqua pubblica – Chiediamo ai genovesi uno sforzo eccezionale: riempiamo
la città di bandiere dell´acqua, indossiamo magliette, parliamo con i
conoscenti e i vicini di casa. L´unico modo per vincere i referendum del
12 e 13 giugno – visto il drammatico black out soprattutto televisivo – è
il passaparola».
E veniamo ai sedici arsenali a disposizione dei genovesi. Partendo da
ponente ci si può rivolgere al Consorzio Sportivo Pianacci in via della
Benedicta, alla Fratellanza Artigiana del Lagaccio, alla Comunità di San
Benedetto (via Buozzi 17), a Ghettup in vico Croce Bianca, al consorzio
sociale Agorà (via del Serriglio a Caricamento), al Banano Tsunami in
Porto Antico, alla libreria San Benedetto in salita Santa Caterina, alla
Formica (Foce, via Trebisonda), al circolo Arci Zenzero (via Giovanni
Torti), alla sede dell´Arci di via San Luca, nelle diverse sedi delle
Botteghe solidali (via Galata, Galleria dell´Acquario, piazza Tommaseo,
via Canepari a Certosa, via Oberdan a Nervi, via Chiappori a Sestri
ponente).
(r. n.)

 

da La Repubblica di oggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>