ACQUA PUBBLICA GENOVA

Riflessioni di una cittadina a margine della privatizzazione di AMT

La scelta di privatizzare servizi pubblici da parte di un amministratore (dirigente pubblico o sindaco o ministro che sia) equivale a mio parere ad una auto dichiarazione di incapacità gestionale e politica che, se la logica albergasse in questo paese, dovrebbe portare alle immediate dimissioni dalla carica ricoperta.

Perché posso dire questo? Pensateci un attimo: il privato interessato a rilevare la gestione di un servizio pubblico non è certo una onlus e se si propone vuol dire che conta di guadagnare un bel gruzzoletto dall’operazione, non viene certo a portare soldi o fantasmagoriche capacità gestionali per fare beneficenza all’ente (e in fondo è normale che sia così).
Cosa potrebbe fare allora un privato per guadagnare su un servizio pubblico in difficoltà, quale ad esempio il trasporto pubblico a Genova? Non ci sono molte strade, ne provo ad elencare alcune a mero titolo di esempio: 1) aumentare le tariffe, 2) ridurre la quantità/qualità del servizio, 3) tagliare i famosi “sprechi”, 4) mettere in campo tecnologie e pratiche avanzate, ecc.. Sempre con l’obiettivo (legittimo) di un saldo economico finale positivo a suo vantaggio. L’obiettivo del profitto viene legittimato, in ogni caso, a scapito dell’obiettivo della fornitura del servizio a condizioni eque per la popolazione, specialmente quella più debole.
Ebbene, riguardo a tutte quelle possibili cose da fare che ho elencato sopra, mi chiedo: perché gli amministratori pubblici (sindaco, assessore e dirigenza AMT) non sono in grado di farle? Tra l’altro, non avendo loro l’obbligo di generare profitto come il privato, avrebbero maggiori spazi di manovra e possibilità di dosare o scegliere gli interventi da attuare.
Insomma, in pratica, se il privato utilizzasse ad esempio come soluzione l’aumento del biglietto, perché non potrebbe farlo direttamente l’amministratore pubblico, che magari può permettersi di aumentarlo in misura minore, non dovendo generare profitti? Se invece dovesse attuare come soluzione una riorganizzazione del servizio, perché una analoga non è in grado di farla l’amministratore pubblico?
Il cittadino comune come la sottoscritta non riesce a trovare risposta a queste domande. L’unica risposta che riesco a darmi è l’incapacità diffusa della classe politica e dirigenziale, che si illude di non perdere la faccia, cercando di fare credere che la privatizzazione sia inevitabile, salvo poi incolpare i privati davanti al fallimento sociale della gestione dei servizi pubblici.
I privati hanno le loro colpe, ne sono convinta…, ma il peccato originale è vostro, cari amministratori!

Silvia Parodi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>