ACQUA PUBBLICA GENOVA

aflash-mob-2 360x241

La Giunta Comunale vuole il via libera alla privatizzazione di AMIU (rifiuti) , ASTER (manutenzioni strade, verde pubblico, illuminazione pubblica, servizi vari), AMT (autobus, metropolitana, ascensori), bagni e farmacie comunali.

BISOGNA CAMBIARE, MA PER ANDARE VERSO IL MEGLIO. IL COMUNE INVECE VUOLE CAMBIARE PERCHE’ TUTTO RESTI COME PRIMA, ANZI PEGGIO.

CON LE PRIVATIZZAZIONI VOGLIONO METTERE AL SICURO IL BOTTINO. AL RIPARO DAL CONTROLLO DEMOCRATICO DEI CITTADINI.

Ormai nessuno crede più alla favola che il privato porta soldi per gli investimenti, e le privatizzazioni porteranno più efficienza, minori costi, servizi migliori per il cittadino. Così non ci provano neppure a raccontarcela. Ci dicono invece che è obbligatorio. Che non ci sono alternative. Ma l’obbligo è stato creato da loro. A quale scopo? Lo vediamo dai risultati: mentre la maggioranza della popolazione subisce un drammatico impoverimento, e le risorse naturali diventano sempre più scarse (il collasso è ormai vicino), il sottile strato dell’élite economica e politica mantiene intatti privilegi, ricchezze e sprechi. Le privatizzazioni mettono beni primari per la vita (acqua, rifiuti, trasporto pubblico…) nelle mani di poteri economici che puntano esclusivamente al profitto. I diritti faticosamente conquistati dalle generazioni passate sono e saranno sempre più subordinati alle esigenze di profitto di gruppi privati, e/o di soggetti formalmente pubblici, ma ancora più avidi dei privati.

MARTEDI’ 5 NOVEMBRE E’ PREVISTO IL VOTO DELLA DELIBERA

A PARTIRE DALLE 15 RIEMPIAMO VIA GARIBALDI

ASSEDIAMO PALAZZO TURSI, SEDE DEL COMUNE

FACCIAMO SENTIRE AI CONSIGLIERI CHE LA CITTA’ LI GUARDA!

http://forumdeibenicomunigenova.wordpress.com forumbenicomunigenova@gmail.com

Comitato genovese acqua bene comune

Amici del Parco di Villa Rosazza

Comitato genovese gestione corretta rifiuti

Voce di S. Teodoro

Salviamo il paesaggio – Genova

Confederazione Unitaria di Base

Attac Genova Movimento

No Tav Terzo Valico Valpolcevera e Valverde

Comitato genovese per una nuova finanza pubblica e sociale

Medici per l’Ambiente

Coordinamento Comitati no gronda

Associazione Biologgia Legambiente Liguria

Confederazione Cobas

Medicina Democratica

Rete Radié Resch Genova

Comitato Acquasola

Giuristi democratici – Sezione Genovese

Circolo Genovese Movimento Decrescita Felice

Comunità di S. Benedetto al porto

Movimento Difesa del Cittadino – Genova

1 Comment for this entry

  • Mario Maestrelli scrive:

    D’accordo sull’erogazione pubblica dei servizi: però, deve
    avvenire con efficienza e al minor costo per la collettività.
    Quindi, è necessario che l’erogatore,nel gestire il servizio,
    abbandoni le modalità che,quasi sempre,fino ad ora, ne hanno
    considerato l’erogazione come la possibilità di attuare tutte
    le peggiori pratiche possibili. Quanto si impegna in sprechi
    e malaffare vario va utilizzato per migliorare il servizio e,possibilmente, nel cercare di favorire la creazione di lavoro utile,
    anche per chi vi si dedica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>