ACQUA PUBBLICA GENOVA

I comitati Acqua Bene Comune Genova e Tigullio stanno predisponendo: atto di citazioneassistenza legale gratuita e supporto politico/mediatico per gli utenti della Provincia di Genova che intendano intentare causa contro i propri gestori per il rimborso della quota di remunerazione eliminata con il referendum ma che purtroppo ancora paghiamo.

Tale quota illecita da recuperare ammonta approssimativamente al 22% della bolletta per il periodo compreso tra il 21 luglio 2011 e il 29 aprile 2013 e a circa il 17% della bolletta per il periodo successivo, al netto di eventuali conguagli (comunque assolutamente parziali e per una parte limitatissima del periodo in oggetto) che forse verranno riconosciuti automaticamente. Oggetto della causa (civile, al giudice di pace) è dunque il periodo a partire dal 21 luglio 2011 fino alla data del 2013 in cui, con l’approvazione dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, entra ufficialmente e definitivamente in vigore il nuovo metodo tariffario e comunque entro il tetto massimo di 5000 euro per il quale ha competenza il giudice di pace.

MODALITA’ e TIPO di CAUSA:

Saranno istituiti gruppi di cause civili al giudice di pace, ognuna di esse raggruppanti più utenti fino al massimo valore (5000 euro) per il quale si ha competenza del giudice. Potranno partecipare alla causa tutte le utenze direttamente intestatarie della bolletta (proprietari singoli o amministratori che agiscono per conto del proprio condominio). Sono escluse (per il momento) le grosse utenze non qualificabili come consumatori (aziende/attività commerciali…).

RISCHI:

Poiché le assicurazioni legali a disposizione coprono solo i contenziosi sorti in sede successiva alla sottoscrizione della polizza non è stato possibile garantire copertura assicurativa agli utenti che intendano intentare causa. Questo significa che ogni utente che intenti la causa rischia personalmente il pagamento di spese legali della parte avversa in caso di sconfitta. Questo rischio, quantificabile in qualche centinaio di euro sulla base di quanto ha dovuto rimborsare il gestore del servizio idrico all’avvocato di Elisabetta, è mitigato dalla compresenza di più utenti tra cui dividere la spesa, da un piccolo fondo di 1500 euro messo da parte per le emergenze, nonché dalla presenza di un importante precedente giuridico a nostro favore (il caso di Elisabetta) e da altri precedenti analoghi in Italia. Tuttavia il Comitato Acqua Bene Comune Genova non riesce in alcun modo a garantire a priori copertura del rischio economico per tutti gli utenti che intendano intentare causa e si impegna in questa sede semplicemente a prestare assistenza legale gratuita e supporto tecnico, politico e mediatico anch’essi gratuiti. Oltre al rischio esposto sopra a chi intenta la causa sarà richiesto, al momento opportuno, solo il pagamento delle spese vive di deposito dell’atto (contributo unificato di 37 euro per contenzioso minore di 1100 euro o 85 euro per contenzioso maggiore di 1100 euro), di una marca da bollo (8 euro per il 2013) e delle spese di notifica in caso di vittoria (anch’esse di entità modesta).

TEMPISTICHE:

Per una causa presso il giudice di pace i tempi possono normalmente variare intorno all’anno dalla data di deposito dell’atto di citazione. Nel caso in cui non siano rischieste perizie o ulteriori precisazioni viene fissata in genere una prima udienza e poi un’udienza conclusiva a seguito della quale (anche dopo un mese o più) viene comunicata la sentenza. Prima del deposito dell’atto sarete contattati per la firma della procura (=mandato per l’avvocato a rappresentarvi nella causa) su apposito modulo da noi predisposto, le ultime spiegazioni e per il pagamento del contributo unificato. Fino alla firma della procura sarà possibile recedere dalla causa (ad esempio in caso di ripensamento, senza alcuna spesa) e gli utenti che alla data convenuta non avranno la procura firmata saranno comunque eliminati dalla lista, le informazioni qui raccolte non sono cioè vincolanti per l’adesione alla causa cha avviene solo all’atto con cui è firmata la procura. Dopodiché non sarà più possibile recedere dalla causa.

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE:

Il modulo di adesione alla causa consta di un primo foglio di dati di contatto (i campi visibili a fondo pagina) e di un secondo foglio di dati da inserire nel ricorso (bollette, contratto ecc.), che potrà essere compilato solo successivamente al primo foglio con un codice personale comunicato via mail.

Prima di cominciare: 1) assicurati di avere in formato .pdf,  .jpg o .gif le bollette da luglio 2011 a oggi, le ricevute dei relativi pagamenti, il contratto con il tuo gestore, 2) copia il paragrafo RISCHI qui sopra, stampalo e firmalo per accettazione: la scansione di questo documento sarà la liberatoria che dovrai allegare nel questionario.

Al momento della compilazione del secondo foglio alcuni campi del primo foglio potrebbero essere sostituiti con asterischi per motivi di sicurezza: è normale e i dati sono già stati acquisiti.

Perché i dati inseriti vengano salvati dal sistema è necessario che TUTTI i campi contrassegnati da (*) vengano compilati: in mancanza anche soltanto di uno di questi campi non ci sarà salvataggio dei dati inseriti

Nei campi ove è richiesto di allegare un file (liberatoria, contratto, bollette con ricevute di pagamento) è possibile inserire soltanto UN UNICO FILE per ciascun campo. Se il proprio scanner non consente di produrre un unico pdf è possibile utilizzare allo scopo programmi come http://www.pdfmerge.com/ che non necessitano di alcuna installazione. In caso di errore nell’allegare un file sarà possibile eliminare o cambiare il file errato solo dopo aver salvato i dati inseriti.
Gli importi delle bollette vanno inserit nel formato con la virgola e NON con il punto (es. 50,25 e non 50.25). I conguagli da inserire nei relativi campi si trovano nella posizione indicata in rosso nelle seguenti bollette esemplificative (N.B. Gli utenti Mediterranea Acque e Idrotigullio devono fare sempre riferimento alla bolletta di “CONGUAGLIO” e NON a quella di “acconto”)
IstruzioniMda_IdrotigullioIstruzioniSAP

 

I dati segnati con (*) sono obbligatori

Nessun dato trovato.

 

9 Comments for this entry

  • VALTER MARATONA scrive:

    Non trovo il contratto di servizio, ho solo le bollette pagate dal 2002.
    Campo bolletta1 + ricevute risulta vuoto perchè non ho scanner.

    • aledale scrive:

      Ciao Valter il contratto di servizio purtroppo è indispensabile per istruire la causa…tu sei utente singolo vero? Quindi non è possibile che lo abbia il tuo amministratore? Per quanto riguarda le bollette – se non hai la possbilità di farle scannerizzare da qualcuno- al limite puoi portarle lunedì prossimo alla nostra assemblea (ore 18.15 in Salita S.Leonardo 25r) che le scannerizziamo noi in formato elettronico

  • michele ribolla scrive:

    Purtroppo ho da tempo cestinato per errore la cartella in cui conservavo le bollette e le ricevute di pagamento !
    probabilmente anche il contratto che peraltro non ricordo.
    mi rimangono solo poche e recenti bollette.

    • aledale scrive:

      OK, anche se non possiede le bollette per tutto il periodo 21 luglio 2011-novembre 2013 si può fare la causa per il solo periodo del 2013 per cui possiede le bollette!

  • Adolfo Sehnert scrive:

    Io non ho lo scanner, alcune bollette hanno totale €0 per compensazione, non trovo il contratto di servizio (che era intestato a mia madre), alcune bollette non le ho proprio trovate :(

    • aledale scrive:

      IL contratto di servizio purtroppo è fondamentale per istruire la causa, che si fonda su un rapporto contrattuale.

      Non conta il totale (che può essere zero perché l’acconto precedente risultava maggiore o per altre compensazioni) ma conta invece il risultato parziale nella sezione conguagli (vedi file immagine nelle spiegazioni di questa pagina): se quello è diverso da zero allora OK si può fare.

      Se non ha lo scanner può rivolgersi al movimento consumatori (via dei Giustiniani 11 a Genova) oppure portarle a noi, forse organizzaremo una prima raccolta di massa il 3 di dicembre a Chiavari. Se ci lascia i dati ci teniamo in contatto!
      Grazie!

  • Ornella scrive:

    Buonasera, se venite a Chiavari, magari ci vediamo, faccio le fotocopie di tutto. Grazie

  • Andrea Poscetti scrive:

    Ciao a tutti, non avendo lo scanner si può fotografare il documento in questione con una normale fotocamera digitale, io di solito faccio così.

  • Andrea Poscetti scrive:

    Gli utenti di Mediterranea delle Acque possono trovare online le bollette già in formato pdf, basta registrarsi sul sito con il codice cliente (NB non il codice servizio). Per gli altri gestori non so.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>